Safety Academy

 

Safety Academy è il contenitore di corsi di approfondimento per figure aziendali di rilievo:

Datori di Lavoro

Dirigenti

Preposti

HSE Manager

RSPP / ASPP

Manutentori

Lavoratori in trasferta

Titolari e responsabili trattamento dati e amministratori di sistema


 

Tecniche di redazione del DVR: modelli operativi

Durata 4 ore

  • La scelta dei “criteri” e le formalità di validità e di opponibilità a Terzi del Documento.
  • La parte generale: organizzazione, flussi, gestione dei settori dell’azienda, la formazione, la sorveglianza sanitaria. Le modalità scelte per l’identificazione della valutazione dei rischi per ogni lavoratore.
  • La parte di illustrazione del metodo (semplice, comprensibile, leggibile).
  • La parte della valutazione dei rischi aziendali e della loro correlazione con le valutazioni di rischio specifico, nell’ottica della congruità dei valori.
  • Le modalità di definizione del Piano di miglioramento.
  • L’obbligo di Aggiornamento del DVR.

 

Tecniche di redazione del DUVRI: modelli operativi

Durata 4 ore

  • La descrizione del documento, dei criteri scelti per la sua elaborazione e delle modalità di revisione.
  • La redazione delle modalità di coordinamento e cooperazione.
  • L’identificazione delle fasi di lavoro che ne hanno portato alla redazione.
  • La definizione dei rischi interferenziali di tipo oggettivo e di tipo soggettivo.
  • I criteri per “valutare” i rischi interferenziali.
  • I criteri per identificare gli “oneri della sicurezza”.
  • Analisi di un modello di DUVRI proposto

 

Il ruolo del HSE Manager: gestire e coordinare tra Deleghe e Responsabilità

Durata 8 ore

  • I requisiti del ruolo
  • I contenuti della delega di responsabilità
  • L’aggiornamento normativo
  • Gli organigrammi che rispondono a tale funzione
  • La pianificazione delle fasi di implementazione delle attività
  • La gestione delle attività di controllo
  • L’individuazione dei parametri di efficienza per la salute e sicurezza del lavoro
  • L’individuazione dei parametri di efficienza per l’ambiente
  • La gestione della documentazione di sistema
  • La gestione dei rapporti con le altre funzioni direzionali dell’azienda
  • La predisposizione del budget di salute e sicurezza del lavoro e del rispetto della normativa ambientale
  • La gestione dei rapporti con gli organi di controllo esterni e di vigilanza interni
  • Tecniche di comunicazione assertiva e strategie di leadership.

 

 

La gestione degli infortuni: la pratica del “Return On Event”

Durata 8 ore

  • Le normative di riferimento applicabili.
  • La differenza tra “infortunio” e “mancato infortunio”: perché occuparsi di “mancati infortuni”, il triangolo di Heinrich.
  • Le modalità di effettuazione delle interviste e di raccolta e analisi aggregata dei dati, argomenti di intervista con il Preposto sull’evento occorso
  • Gli argomenti di intervista con il preposto sull’evento occorso.
  • Le modalità di redazione delle relazioni.
  • La pratica del ROE come “best practice” aziendale in relazione allo sconto sul premio INAIL

 

La corretta gestione dei rapporti con le Imprese Appaltatrici

Durata 8 ore

  • Normativa di riferimento con particolare riferimento all’art. 26 D. Lgs 81/08).
  • Obblighi del Datore di Lavoro della Ditta Committente.
  • La verifica dell’idoneità tecnico-professionale delle Imprese Appaltatrici.
  • Modalità e tempi di redazione del Documento di Valutazione dei Rischi a interferenze (DUVRI).
  • Modalità di gestione delle interferenze.
  • Indicazione Costi di Sicurezza.
  • Verbale di sopralluogo.

 

 

Gestione dei rapporti con gli Organi di controllo interni ed esterni

Durata 8 ore

  • Le normative di riferimento applicabili
  • Le modalità di effettuazione dei controlli
  • I soggetti titolati ai controlli: ASL Competenti, VVF, INAIL, DPL, NIL ( Arma dei Carabinieri), ..
  • Tecniche di comunicazione per gestire in maniera efficace il rapporto con gli Organi di Controllo
  • La gestione dei verbali di prescrizione e/o di disposizione
  • Le richieste di riconoscimento delle malattie professionali
  • La predisposizione della documentazione di risposta
  • La gestione della documentazione del Modello Organizzativo sul tema Salute e Sicurezza: protocollo specifico, report, relazione di sopralluogo

 

Le responsabilità penali del RSPP

Durata 8 ore

  • Le Sentenze più significative sul ruolo e sulla conseguente Responsabilità del RSPP rispetto alla posizione di garanzia del Datore di lavoro.
  • L’individuazione delle caratteristiche della negligenza, dell’ imprudenza, dell’imperizia e la “colpa professionale” del RSPP.
  • la responsabilità a seguito di infortunio occorso sul luogo di lavoro e la conseguente individuazione del “luogo di lavoro” fornita dalla Cassazione.
  • L’individuazione dei flussi comunicativi dal RSPP verso le figure di rilievo nel campo della salute e sicurezza del lavoro.
  • I risvolti del “suggerimento sbagliato del RSPP”.

 

 

Le buone prassi: introduzione alla Behavior Based Safety (B-BS)

Durata 8 ore

  • Introduzione alla Behavior Analisys e alla B-BS
  • Il paradigma A-B-C (antecedenti, comportamento, conseguenze)
  • Schemi di modifica del comportamento
  • La gestione del comportamento
  • Il Protocollo B-BS e le varie fasi organizzative: Gruppi di Lavoro e Attività.

 

Il Modello Organizzativo ai sensi del D. Lgs 231/01

Durata 8 ore

  • Le finalità e l’ambito di applicazione del D. Lgs 231/01
  • I rapporti tra l’art. 30 del D. Lgs. 81/08 e il D. Lgs. 231/01
  • Modello di Organizzazione: strumento di attuazione della normativa e di esonero delle responsabilità
  • I principi, l’impianto normativo, i reati e le fattispecie contemplate
  • Il Sistema dei Controlli Interni (Report, Audit)
  • Il ruolo del Responsabile dell’Organismo di Vigilanza

 

Audit in tema di Sicurezza ed Ambiente: strumenti e strategie per saperli affrontare

Durata 8 ore

  • La Linea Guida UNI EN ISO 19011-2012
  • Lo Standard BS OHSAS 18001:2007
  • La Norma UNI EN ISO 14001:2004
  • La documentazione oggetto di verifica
  • Le strategie da adottare per preparare l’Audit
  • Gli strumenti per valorizzare i risultati raggiunti dall’Organizzazione nella gestione dei Sistemi e nell’adozione di soluzioni migliorative.
  • La misurazione dei KPI inseriti nella Politica di Sicurezza ed Ambiente

 

Marcatura CE di macchine/linee: garantire la corrispondenza tra documentazione tecnica ed effettivo utilizzo

Durata 8 ore

Contenuti Modulo A:

  • Il titolo III del D. Lgs 81/08: la gestione delle Attrezzature di Lavoro all’interno della Valutazione dei Rischi.
  • L’inserimento di macchine/linee nel processo produttivo: le corrette linee di comunicazione interna e l’obbligo di revisionare il DVR ai sensi dell’art. 29 del D. Lgs 81/08.
  • Le responsabilità nell’accettazione di macchine/linee: regole, strumenti e procedure: dalla scelta all’installazione, dal training al collaudo, dall’utilizzo alla manutenzione.

Contenuti Modulo B:

  • La nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE: le principali modifiche che sono state introdotte dalla nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE, con particolare attenzione alle quasi macchine ed alla documentazione tecnica pertinente.
  • Il Fascicolo Tecnico: quando e come è necessario costituire il Fascicolo Tecnico come previsto dalla Direttiva 2006/42/CE (D. Lgs. 17/2010).
  • Le istruzioni per l’uso:
  • o Macchine marcate CE: i requisiti cui deve rispondere il manuale di uso e manutenzione come previsto dalla Direttiva 2006/42/CE (D. Lgs. 17/2010).
  • o Macchine non marcate CE: la redazione delle Schede Macchina sia per l’utilizzo che per la manutenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *